Il Quartiere ed il Comitato

BREVI CENNI STORICI

 Il Quartiere del Popolo “U Pupulu”, inizia la sua creazione nel 1700 ca., quando nella parte ovest della città iniziarono gli sbancamenti vicino al Monastero di Santa Maria del Popolo esistente già dal 1550.

Il Quartiere prende il nome dal Monastero delle Suore Carmelitane Scalze che vivevano di vita claustrale, è un bel giorno (1800) trovandosi in ristrettezze economiche, decisero di chiedere aiuto agli abitanti del quartiere (che nel frattempo si era completamente formato attorno al Monastero), il popolo rispose con un gesto di enorme generosità e per ringraziamento a tutti gli abitanti del quartiere, intitolarono la Statua della Madonna finora intitolata Santa Maria a Santa Maria del Popolo.

Da quel momento il quartiere si chiamò …del Popolo. Il Quartiere in origine aveva abitanti di ceto molto modesto (minatori, carrettieri e agricoltori). Le case erano basse, massimo due piani, alcune avevano i “bagli” con le tradizionali “cuticchie” o sassi da fiume, di solito vi si trovava una fontanella in pietra lavorata e nel piano basso le stalle o i “catoi. Altre case avevano nel piano basso i “putii” o botteghe (piccoli negozi a gestione familiare).

Per la strada sorgevano alcune fontanelle per prelevare l’acqua perché la zona era sprovvista d’impianto idrico e bisognava approvvigionarsi  con delle “Quartare” o brocche di terracotta per uso domestico.

Per illuminare la strada esistevano delle lampade a petrolio. Nella strada passavano soltanto i “carretti”, ed il selciato era tutto di “cuticchi”.

Tra i personaggi illustri del quartiere ricordiamo il Dott. Pietro Farinato (medico condotto), uomo di vita esemplare e di cialis 20mg prix ineguagliabili qualità. Fondò l’Ospedale cittadino. Altra personalità del quartiere è il Prof. Luigi Cascio che nel ‘43 dopo l’arrivo degli alleati, chiese al comando del Governo Provvisorio Americano (A.M.GOT) di potere istituire una Scuola D’arte e Mestieri nei locali abbandonati dell’ ex Colombaia Militare, ottenendone il consenso.

NASCITA DEL COMITATO DI QUARTIERE

Il Comitato di quartiere “U Pupulu” è un associazione a tutela dei residenti e del territorio cui demmo vita nell’anno 2009 , nel duemila dieci si effettuano le votazioni per le cariche statutarie, ed il cui nome viene proprio dalla Chiesa di S.Maria del Popolo.
A distanza di  anni ci accorgiamo che molte cose sono state fatte. Molte ed anche importanti. E per chi come noi le ha vissute con massimo impegno e con forte partecipazione sono risultate estremamente significative e formative. Comunque anche laddove a circondarle erano sentimenti di prevalente amarezza, sappiamo che possiamo parlare di esperienze positive delle quali abbiamo giusto motivo di orgoglio e di soddisfazione.
Anche solo facendo un mero bilancio di iniziative e di realizzazioni portate a compimento lungo questi anni, certamente tra alti e bassi, e se dovessimo guardarci intorno, difficilmente troveremmo situazioni da parte di analoghe strutture ed organizzazioni come la nostra (facta non verba!).

Rappresentare da molti anni un’Associazione, come quella del Comitato di Quartiere “U PUPULU” è stata, ed è un’esperienza sì impegnativa, ma anche piena di soddisfazioni.
Non vogliamo ricordare le storie del Comitato, solo ci preme ricordare alcuni elementi distintivi del nostro gruppo che ci hanno caratterizzato in questi anni:
La Fedeltà: tanti ci hanno seguito fin dalla nascita, pochi ci hanno abbandonato e molti sono coloro che ci seguono con simpatia, creatività ed impegno.
L’Impegno: abbiamo sempre creduto che da soli non si va lontano, infatti ci siamo aperti a stimoli sempre nuovi coinvolgendo altre realtà come la Confraternita del Sacro Cuore, scuole del Quartiere, parrocchia, istituzioni ed altre associazioni, dando vita ad un vero e proprio Volontariato; abbiamo infatti scelto di essere volontari e di dedicare il nostro tempo a questa che è da tre anni una felice realtà. Scelta coraggiosa perché ci costa molta fatica e tempo libero il più delle volte sottratto alle nostre famiglie.

La Fede: La parola fede è proriamente intesa come il credere in concetti, dogmi o assunti in base alla sola convinzione personale o alla sola autorità di chi ha enunciato tali concetti o assunti, al di là dell’esistenza o meno di prove pro o contro tale idee e affermazioni.

Per noi, una Comunità Cristiana si costruisce sulla Parola di Dio e si lascia formare da essa, seguendo l’esempio concreto che abbiamo in Gesù, Verbo di Dio.

 

Oggi a distanza di tre anni è opportuno guardare al futuro: il nostro sodalizio con la Confraternita  ha bisogno di crescere ulteriormente creando una struttura più forte in modo da poter farci apprezzare ancora di più dai cittadini e dalle istituzioni. Il nostro obiettivo primario è dar vita al progetto

“ U PUPULU”,  quartiere modello, per raggiungere questo scopo abbiamo bisogno dell’aiuto di tante persone disponibili in modo da poter ripartire i vari compiti che vanno dalla tutela del territorio al benessere dei cittadini.
Pertanto mi auguro che chi ha idee, tempo e voglia di avvicinarsi alla nostra realtà, lo faccia senza indugi per poter rafforzare e consolidare la nostra identità.
Un GRAZIE al Direttivo, ai Collaboratori ed a tutte le persone che con stima ed affetto hanno dato modo di fare onore questo importante traguardo.
Per ulteriori informazioni telefona al 333.8486641